News

logoagreenment 2

 

  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/37682.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/agricoltura31.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/aziende_green.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/blue_wave_of_water-wide-1.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/carbon-footprint-lg.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/slidetb/ors_risorseIdriche.jpg
Login Register

14 ottobre Sala 6, Centro Congressi pad .110, ore 11.30
AGRILEVANTE C/O FIERA DEL LEVANTE - BAR

Tavola rotonda 

R&DKI L- HUB 

Research & Development , Knowledge and Innovation Hub for Agricolture

 

Scarica il PDF qui: Locandina workshop progetto R&DKI L-HUB

VENERDI’07 APRILE 2017- ORE 9:00

MEDIATECA PROVINCIALE - PALAZZO DELL’ANNUNZIATA

Piazza Vittorio Veneto - Matera

OLIVICOLTURA E CAMBIAMENTI CLIMATICI: Il Progetto Europeo LIFE oLIVECLIMA

L'impatto dell'agricoltura sulle emissioni dei gas a effetto serra raggiunge il 14% delle emissioni globali a cui si aggiungono altre emissioni (17% del totale) dovute a deforestazione e distruzione dei pascoli, quindi l'agricoltura svolge un ruolo significativo sul fenomeno del cambiamento climatico. L’olivicoltura rappresenta un potenziale settore rilevante per la mitigazione dei cambiamenti climatici data la specificità delle piante di olivo: sempreverdi e longeve. La tecnica colturale è in grado di favorire ulteriormente la capacità del sequestro di carbonio di questa specie.

Per discutere di questo venerdì 07 aprile 2017 a Matera, presso la Mediateca Provinciale, dalle ore 9, si terrà il convegno “olivicoltura e cambiamenti climatici” all’interno del Progetto Europeo LIFE oLIVECLIMA.

Nel corso della mattinata si discuterà di vari aspetti dell’olivicoltura incluso l’impronta del carbonio per l’olio, qualità, biodiversità ed innovazione tecnologica dell’olio extravergine di olive italiano, il sequestro del carbonio da parte degli oliveti.

Parteciperanno ai lavori:

-        Xiloyannis Cristos, Università degli studi della Basilicata;

-        Stefania D’Alessandro – Dip. Politiche Agricole e Forestali, Regione Basilicata;

-        Giuseppe Montanaro, Università degli studi della Basilicata;

-        Luca Braia, Regione Basilicata: Assessore Politiche Agricole e Forestali.

Saranno previsti interventi da parte delle associazioni di produttori. Seguirà una visita tecnica presso l’oliveto sostenibile a Ferrandina ed all’impianto pilota di trattamento delle acque reflue per il riuso in agricoltura.

(comunicato stampa a cura degli organizzatori)

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.        mobile: 3913808337

                 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.             mobile: 3206999788

oLIVECLIMA seminar 7 apr 2017

Giovedì 12 gennaio 2017 alle ore 15,00 presso la Sala Riunioni di  Asso Fruit Italia Società Cooperativa Agricola in Via Tagliamento, 28 - Scanzano Jonico (MT) ci sarà il "Consultation Event" sul tema: "Strategia di gestione della risorsa idrica all’interno del progetto LIFE AgroClimaWater". 

Interverranno alla tavola rotonda: Università degli studi della Basilicata, DiCEM - Assofruit Italia - RodaxAgro (Grecia) - Autorità interregionale di bacino della Basilicata - Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto - ALSIA, Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura.

L'evento di consultazione è organizzato all'interno del  del Progetto LIFE AgroClimaWater: “Promuovere l'efficienza idrica e supportare il passaggio ad un’agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici nei paesi del mediterraneo”.

Il progetto LIFE14 ENV/GR/000389 – AgroClimaWater è stato implementato con i contributi del Programma LIFE dell'Unione Europea e dei partner del progetto.

Consulation events -LIFE ACW

 

 

Consultation Event LIFE ACW 12.01.2017

 

 

Lunedì 7 marzo 2016 alle ore 9,30 presso la sede di via San Rocco dell’Università degli Studi della Basilicata di Matera in programma il convegno sul tema “La cooperzione internazionale sull’emergenza Xylella fastidiosa: consorzio di ricerca LUBXYL.

LUBXYL 7 marzo 2016

L’emergenza Xylella fastidiosa può avere ripercussioni gravi sul tessuto produttivo, economico e sociale di tutti i paesi del Mediterraneo. La gravità del patogeno deve mantenerci vigili e attenti anche su altre possibili coltivazioni diffuse come vite, mandorlo, pesco, limone e piante forestali.
Una azione sinergica di tipo multi-approccio al problema Xylella, prendendo in considerazione gli aspetti scientifici di diverse aree tematiche, diviene indispensabile per individuare le possibili soluzioni tecnico-scientifiche al fine di contrastare la diffusione della malattia nelle aree indenni e contenere, convivere con essa in quelle infette. Con questo approccio è stato creato il consorzio LUBXYL, che da il nome al progetto, che ha l’obiettivo di fornire risposte concrete alla comunità scientifica, all’unione europea, all’intero comparto olivicolo e alle popolazioni delle aree interessate.
Attraverso l’interazione e la sinergia di 22 università, 34 laboratori, 15 associazioni di categoria e istituzioni di 14 nazioni (Italia-Francia-Spagna-Portogallo-Belgio-Serbia-Grecia-Cipro-Tunisia-Marocco-Iran-Brasile-Messico-Bielorussia) si vogliono realizzare azioni di ricerca su: Epidemiologia (studio del batterio, del vettore, della reazione dell’ospite; Interazioni (pianta-patogeno, batterio-vettore, suolo-pianta-microrganismi); Bio-controllo (antagonisti naturali contro il vettore, virus batteriofagi, antagonisti naturali al batterio, produzione e prove valutazione biomolecole); Pratiche di campo (gestione agronomica dell’oliveto, resistenza e tolleranza varietale, applicazione bio-prodotti, studio biodiversità microbica); Sorveglianza (monitoraggio, rilevamento, prevenzione e protezione); Strumenti (intelligenza artificiale, assistenza, impatto ambientale e socio-economico); Disseminazione (formazione, campi pilota, diffusione, ICT). Per la gestione del progetto sarà definito il Comitato di valutazione (attori territoriali e di categoria, istituzioni) e il team di Coordinamento scientifico. Infine, il consorzio intende muoversi su altre azioni come la call Network RUR 10 “Thematic Network of European Partnership for Innovation (PEI)” e partecipare alla costituzione dei gruppi operativi in seno ai nuovi PSR in 10 paesi UE (Mis. 16 Cooperazione) interagendo con i Gruppi Territoriali di Coordinamento Europeo (ECTG).

A capo del progetto: Prof. Claude Bragard UCL- Louvaine la neuve -Belgio

WP1- Epidemiologia: Coordinatore Prof. Jijakly – Liegi -Belgio
WP2- Interazioni: Coordinatore Dr. Sofo- Unibas Potenza
WP3- Biocontrollo: Prof. Roussos – Prof. Robaglia AMU-IMBE Marsiglia Francia
WP4- Pratiche di campo: Prof. Xiloyannis – Unibas Matera
WP5- Sorveglianza: Prof. Koubouris – Nagref Chania – Grecia
WP6- Disseminazione e strumenti: LERNA-ESAV- Toulouse – Francia
WP7- Comitato Valutazione: Atelier pour l’Europe Francia – Agreenment Italia
WP8- Coordinamento Scientifico: Prof. Bragard UCL – Louvaine la neuve – Belgio

Locandina LUBXYL 7 marzo 2016

SABATO 30 GENNAIO 2016 - ORE 9:30 – Sala convegni Hotel Hermes - Strada Statale 106 Km 127,5 Policoro (MT) 

Progetto LIFE AgroClimaWater: “Promuovere l'efficienza idrica e supportare il passaggio ad un’agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici nei paesi del mediterraneo.”

Workshop: Il ruolo dell’azienda.

Workshop LIFE ACW 30012016

L'agricoltura è il settore più suscettibile ai cambiamenti climatici: l’aumento della temperatura e la diminuzione delle precipitazioni annuali sono problematiche ambientali che gli agricoltori del Mediterraneo devono già affrontare. Entrambi portano a una diminuita disponibilità della risorsa idrica, di cui si prevede un’ulteriore riduzione.
In questo scenario, il Dipartimento DiCEM dell’Università degli studi della Basilicata e l’Organizzazione di Produttori Asso Fruit Italia (AFI) sono partner importanti del progetto internazionale LIFE14 CCA/GR/000389 AgroClimaWater, coordinato dal partner greco HYETOS (centro di innovazione eco-ambientale). Tra gli obiettivi del progetto rientra una migliore gestione delle risorse idriche, al fine di incrementare l'efficienza dell'uso dell'acqua nel settore agricolo, preparando gli agricoltori a fronteggiare i cambiamenti climatici. Il raggiungimento di questo obiettivo avverrà attraverso lo sviluppo e l’attuazione di una strategia di gestione delle risorse idriche, definita in collaborazione con la Fondazione nazionale per la ricerca in agricoltura – Istituto di ricerca sul suolo e sulla risorsa idrica NAGREF – Chania, Grecia. Il risultato finale prevede la certificazione di prodotto secondo lo standard EWS (European Water Stewardship) e l’ottenimento di un’etichetta ambientale che attesta l’adozione di pratiche di gestione sostenibile dell’acqua all’interno dell’azienda. Tale processo di certificazione porterà alla valorizzazione dei prodotti frutticoli.
Sono queste le tematiche che saranno affrontate sabato 30 gennaio 2016, ore 9:30, presso la sala convegni dell’Hotel Hermes a Policoro (MT), Strada Statale 106 Km 127,5, all’interno del workshop rivolto alle aziende del Metapontino che prenderanno parte al progetto.

Nel corso della mattinata saranno presentati gli obiettivi del progetto e le azioni da intraprendere. Parteciperanno ai lavori:
- Università degli studi della Basilicata: Prof. Cristos Xiloyannis, Prof. Bartolomeo Dichio
- AFI: Francesco Nicodemo, Andrea Badursi
- Regione Basilicata: Assessore Politiche Agricole e Forestali Luca Braia
Seguirà una discussione sulle tematiche della sostenibilità e le connessioni con la politica dei pagamenti dei servizi ecosistemici ed ambientali.
A conclusione della giornata, si procederà a registrare le aziende agricole che intendono aderire al progetto, mettendo a disposizione i propri siti per attuare le nuove pratiche di gestione individuate. 

Poster Workshop ACW 30012016.pdf